Blogging around

Una delle cose che amo dell’universo-blog è che, in certe liste di argomenti trattati o di siti seguiti, possono comparire fianco a fianco Emma Bonino e Draco Malfoy, come mi è capitato oggi sfogliando Il diario di Murasaki. La Bonino onestamente farei anche a meno di incontrarla, ma Draco val bene un sacrificio.
Un’altra cosa che amo è la (relativa) lentezza, a contrasto con la frenesia pura dei social. La lentezza è importante: più che un valore aggiunto – come suggerivo oggi commentando Diego – ad una certa azione, è un valore in sé, è parte costitutiva di un’azione ponderata, e parte costitutiva  e non accessoria del godimento. Acquistare, o prenotare, un libro e poi attendere il suo arrivo è già rapportarsi a quel libro (conoscerlo, farlo proprio, farselo entrare nel sangue).
Il punto è che, per quanto digitali anch’esse, le piattaforme di blogging mi sembrano, ancora, avere una natura intima analogica. Mi pare incoraggino a creare strutture ad albero, verticali e profonde; laddove i social favoriscono in prevalenza strutture… “a muffa” – passatemi l’espressione – orizzontali e diffuse, ammassate. Sbaglierò, magari. Ma è anche per questo, per un fatto intuìto inconsapevolemente, che sono tornata qui dove mi ero fermata tempo fa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...