Animalesco

Io ed L., la mia più cara amica, abbiamo prospettive e gusti estremamente diversi in fatto di uomini – e qui mi riferisco solo al corpo! Intanto lei ha più un vero e proprio “tipo” ideale, mentre io ne ho svariati, pur con alcune nette preferenze. E poi, appunto, se lei va per il biondo occhi azzurri io propendo per il total black, capello / occhio castano e perché no, anche la carnagione o persino la pelle non mi dispiacciono olivastre o nere (tanto che, quando leggerà questo post e scoprirà che mi stavo invaghendo di un mulatto sul treno per Milano, mi beccherò un cazziatone).
La cosa bella è però che su un fattore particolare ci intendiamo, e ci intendiamo alquanto direi: e questo fattore è l’animalità. (Ora vado a spiegare, prima che qualcuno stabilisca che sto dando degli animali ai maschi tutti e che sono misandrica: faccio infatti un discorso generale, sugli esseri umani come specie).

Perché gli esseri umani, in quanto specie vivente, sono animali.
Un’affermazione apodittica, forse, ma voglio sia tale: non sono disposta a contrattare un’evidenza simile, a doverla ribadire e difendere. Per me è lapalissiana ma, soprattutto, non va ad inficiare l’ottica cristiana sull’uomo e sulla sua non riducibilità al mero istinto: tutti tranquilli, la dottrina non ha bisogno d’essere salvaguardata da alcun pericolo.
E che poi si veda questa animalità come una cosa bella, una cosa neutra oppure qualcosa da temere e da cui guardarsi, è bene in ogni caso conoscerla. 

kate-winslet-dressmaker.jpg
 

Mettetevi comodi, vi faccio lezione.

 

C’è il fattore altezza, per cominciare – lo sapete tutti: altezza, mezza bellezza.
Su questo io ed L. siamo d’accordo, o per meglio dire, nutriamo lo stesso istinto: gli uomini alti ci fanno venire le stelline negli occhi, così: 🤩
Potete contemplare le sacrosante eccezioni, ma oltre questa regola vi garantisco che ne filtrano pochissimerrime. Aggiungeteci che io di mio son alta due mele e poco più (cit.), e potete immaginare l’effetto che fa. Non a caso, con una singola eccezione, ho sempre allacciato relazioni con degli stangoni. Insomma se non siete Mike Pee, e siete bassi, non provateci neanche, risparmiate tempo.
A ruota, c’è il fattore muscoli. Eh, beh.
Come L. ricorda sempre: muscoli = forza; forza = protezione; protezione = maschio.
Punto, a capo.
Veniamo poi al fattore corporatura. E qui casca l’asino… nel senso che, se per L. “muscoloso” va di pari passo con “ben piantato”, a me non me ne può frega’ dde meno. Non che il modello “pompiere australiano largo come un armadio con koala sulla spalla” mi faccia schifo, eh, sia chiaro, ma se mi passa un pompiere australiano (con koala regolamentare) a due passi, son capace di ignorarlo… al massimo il koala mi fa venire l’occhio umido, ma non faccio caso a chi se lo porta in giro. 

Hot-Firefighters-Australian-Firefighters-Calendar-2018121-3-1.jpg
 

Koala adorabile su supporto umano.

 

Poi, subito dietro, passa un tizio ossuto (col muscoletto bicipite e pettorale a norma, ma nulla più), con le clavicole sporgenti, il naso da poster nazista sugli ebrei e la guancia incavata, e taaac!, sono fottuta: tempo zero secondi e m’innamoro come una deficiente.
Se pensavate che avessi perso la brocca per il Joker di Phoenix perché l’ha fatto, appunto, Phoenix (ho visto delle foto in cui sembra pompato a cortisone, ma in condizioni standard merita), o perché ho una passione per i tizi alienati e devastati, vi sbagliavate: è che a me piacciono le ossa, e se non posso avere le ossa, datemi almeno un fisichino asciutto, ma asciutto tanto, al limite del secco.

0d35743e982ee71320508514e7b7faeb
 

Spalle in dentro, gozzo in fuori! Naso XL, cachessia conclamata.

 

Da qui in avanti si entra nei dettagli, e non vi tedierò: cito soltanto due cosette che, per quanto mi riguarda, sono rilevanti:

  • davanti a un bel paio di mani “nervose”, cioè non solo piuttosto attive ma asciutte (di nuovo) e con vene e tendini in rilievo il mio cervello si squaglia.
    Le mani vincono su tutto, e sono le prime cose che guardo insieme agli occhi (sì, non ridete e non scuotete la testa, pivelli, è così).
    Se mi agitate davanti le mani che piacciono a me, non dovete neanche cercare un collare: me lo metto da sola e mi faccio portare ovunque;
  • il tratto iliaco. Se non sapete cos’è, googlate. La pappa di cervello a questo punto sta bollendo, toglietela dal fuoco se non volete ridurmi ai versi gutturali.

Ma facciamo un passo indietro, ‘ché per quanto possano sembrarvi istintuali simili facezie, non lo sono. Non pienamente. Lo è invece un altro, misconosciuto ma decisivo fattore, l’ultimo che vado ad elencare.
Ossia la pelle.
Perché noi animaletti umani possediamo la meravigliosa facoltà, utilissima, di saltare tutti questi passaggi culturali ed appresi, ottimi da sfoggiare in un salotto buono davanti agli amici o in camera da letto ma non nel folto della giungla, e fare un rapidissimo, inconscio inventario di tutti i dati disponibili sul/la pollastro/a potenziale preda e ricavarne un abstract verosimile ed affidabile sul suo stato di salute.
E di tutti i dati disponibili, i due più significativi sono senz’altro l’occhio (torbido come il brodo di pesce oppure limpido come acqua di fonte?) e la pelle, appunto (sfibrata ed itterica / grigiastra oppure elastica e dai micropori che fanno la ola?).
Lo ripeto: tutto ciò non è meraviglioso?

Ecco, questa è la versione nero su bianco di quattro chiacchere scambiate con L. un paio di settimane fa. Siccome è un argomento, e sono considerazioni, che ritornano, ho pensato di condividerle… e di condividere un paio di koala 🙂 Ciao!

koala.jpg
 

Sarà per via del naso, ma io lo trovo sexy.

 

50 pensieri riguardo “Animalesco

        1. Proprio morbosa no, ma i pompati non mi dicono niente, sono più per i longilinei. Super concordo sulle mani! Se hai le mani piccole te ne puoi andare, se sono con dita lunghe affusolate e con le vene a vista BENVENUTO NELLA MIA VITA

          Piace a 2 people

        2. Madonna Santissima, sì (poi mi confesso).
          Fare mano contro mano dà una controprova infallibile della plausibilità di una relazione: se sono almeno un po’ più grandi, bon, altrimenti ciao, stammi bene.

          (No, hai ragione, quella patologica sono io.
          Ma Brody, tolta la foto qui che ho scelto apposta per sottolineare, sullo scheletro ben delineato i suoi bei chiletti di muscoli ce li ha.
          Che Dio lo benedica).

          Piace a 2 people

    1. Un pochino 🙂
      (In realtà sui “tipi fisici” sono piuttosto ehm, aperta di mente.
      Ma senza dubbio ce ne sono alcuni che mi calamitano mica da ridere 😄 )
      E’ molto più rognoso trovarsi di carattere… ma questa è un’altra storia, oggi niente discorsi seri: oggi sessoooo! Ahahah! 😂😂😂

      Piace a 2 people

        1. Nono, se è panzetta e non panzona alla Homer ci sta. Non sono mica così stronza 😁
          Anche perché sennò come faccio, poi, a smerciare la mia di panzetta? 🧐
          Bisogna venirsi incontro nella vita.

          Piace a 1 persona

        1. Capisco 🙂
          Tristemente, no, non ne ho mai nemmeno visto uno dal vivo e da vicino.
          Ma posso godere dei resoconti di Lucy:
          https://lucythewombat.com/2019/10/13/dove-vedere-koala-in-liberta-da-vicino-raymond-island/

          Koala a parte, io sono un’abbracciona abbraccevole. Amo abbracciare. Ho bisogno di essere abbracciata, e tanto. Abbraccio come stile di vita.
          Mi hai fatto venire in mente la macchina per gli abbracci (di cui per fortuna non ho bisogno) di Temple Grandin.

          Piace a 2 people

  1. Beh, dissertazione interessante, non c’è dubbio che hai idee chiare, così come la tua amica del cuore.
    Buona fortuna a entrambe.
    Potrei aggiungere “ai miei tempi” e sproloquiare attorno all’argomento, ma dal momento che sono una vecchia signora (che non si prende poi troppo sul serio), vi suggerisco di prendere in analisi, visto che si tratta di animalità, anche l’odore (in senso piacevole).
    Ci sono volte in cui basta e avanza per sentirsi attratti. Che ne pensate? Ciao.

    Piace a 2 people

    1. Ah! Altro grande (e favoloso) capitolo, che mette a riposo gli occhi finalmente… credo che L. non si discosterà troppo dal mio pensiero, per quanto mi riguarda non è frequentissimo incontrare persone con un odore davvero caratteristico, ma quando succede è cruciale…
      … l’odore del mio secondo amore ce l’ho ancora rintanato nelle narici e nei neuroni. Capita una volta ogni tantissimo che lo senta, chiaro, da qualche parte, ma riesco addirittura – anche se non è la stessa cosa – ad evocarlo senza appigli olfattivi reali, solo nella mente.
      E poi ce ne sono altri.
      Confermo, può bastare ed avanzare quello.

      Piace a 1 persona

    1. Ecco, noi per esempio non potremmo stare insieme: io sono un gatto, l’odore e la viscosità dei cani non mi garbano e, soprattutto, non tollero che si dedichino attenzioni ad altri pelosi. Anche quando abbandono il mio umano per cacciare o dormire o disdegno la sua voglia di coccole.

      Ma tornando seri, imporre la necessità di una tartaruga, per di più in presenza di un uomo coscienzioso quale tu appari essere in quel tondino (infatti sarai sicuramente un Uomo a Tutto Tondo), significa costringerlo a scegliere tra la felicità sentimentale e la salvaguardia di una specie protetta ed abusata dalle adolescenti e dalle casalinghe del globo terracqueo, emisfero nord.
      E’ disdicevole.

      "Mi piace"

    1. Non c’è problema: mi prendo anche quelle! Mi prendo tutto! I want it all, I want it all… 🎶🎵🎶🎵
      Capisco i Crowe ed i Jackman, capisco.
      Ciò significa che potremmo uscire insieme a caccia, senza pestarci i piedi 😉 😄
      (E prego, è sempre un piacere).

      Piace a 1 persona

  2. Interessante questo spaccato sui gusti femminili in fatto di ‘tratti di mascolinità’, grazie (mi sarebbe stato utile da ragazzo per superare prima certe insicurezze).
    Bisogna dire che, quando alla fine si tratta di mandarci la persona giusta, da Lassù spesso usano i nostri gusti, ma più spesso fanno qualcosa di inaspettato. Perché se ad un certo punto si crea un legame particolare con qualcuno che normalmente non prenderesti in considerazione, significa che è un rapporto davvero significativo. Se invece una persona ‘ti incanta’ perché corrisponde a certe tue attese, be’ c’è il sentimento nasca da carenze che speri di compensare (e allora siamo, diciamo, in ‘occasione prossima di idolatria’).
    Questa almeno è l’idea che mi sono fatto osservando le coppie più ‘ben assortite’ tra quelle che conosco.

    Piace a 1 persona

    1. Sì, è bene imparare a lasciarsi sorprendere, che si legga l’inatteso come caso o come Provvidenza. (Tantè che uno degli uomini che mi ha attratta di più non corrispondeva affatto al dipinto che ho fatto qui dell’uomo “ideale”. La cosa non è andata avanti, perché non ero pronta io… e a chi non è capitato?).
      Ciò che dici a proposito del “lasciarsi incantare” è molto azzeccato: e quante volte l’occasione prossima diventa idolatria fatta e finita! Un esempio l’avrei io stessa, e coinvolgerebbe tra l’altro anche quell’idolatria dell’intelligenza di cui ha parlato di recente Lugaresi nei suoi post danteschi. Tanta roba, ma grazie a Dio – è il caso di dirlo – di parlarne non ne ho neppure voglia: ne sono uscita, e preferisco vivere in modo più sano.
      Una cosa va detta, una cosa che non rientrava negli intenti giocosi del post e soprattutto avrebbe allargato troppo l’orizzonte del discorso: ovviamente, qui s’è parlato solo di aspetto fisico. Ma sappiamo bene che, per quanto forte, non è il solo elemento che incontriamo nell’altro. Ogni tanto io ed L. ci torniamo su, le relazioni (soprattutto sentimentali) sono dopotutto l’espressione più alta di quella comunione interna alla Trinità… e quando mi chiede cosa cerco in un uomo – so che suonerà retorico o romantico, ma tant’è – io come primissima cosa le rispondo immancabilmente che cerco una persona buona, e in seconda battuta una persona semplice. Una sola caratteristica, ma così esigente! Lei non è che non lo capisca del tutto, ma non lo sente.

      "Mi piace"

      1. Certo, in un post intitolato “anilmalesco” sarebbe stato alquanto fuori tema mettersi a disquisire di qualità “interiori”. Che poi, anche quelle qualità sopravvalutate, nel senso che non c’è molto più merito nell’essere intelligenti o nell’avere un bel carattere che nell’avere un bell’aspetto. Certo, nell’intelligenza e nel carattere contano di più la volonta e le scelte di vita, ma comunque sono tutte cose su cui la genetica e l’educazione hanno avuto un ruolo non piccolo. Bisogna uscire un po’ da questo catarismo dell’interiorità, per questo ho apprezzato la schiettezza di questo post. Se io comincio ad identificarmi solo con una mia qualità interiore in cui eccello, diventerò altrettanto fastidioso di uno che si compiace del suo aspetto esteriore. sarebbe un altro tipo di schiavitù.
        Alla fine e tutto ci è donato e tutto può essere poi speso bene o male – e qui si gioca davvero l’impegno personale di ognuno.

        Piace a 1 persona

    1. Ho provato a googlare anch’io, e mi son resa conto che non è così immediato: in prima battuta escono un sacco di immagini anatomiche, non esattamente di bei fusti 😉
      Perciò ecco qua: dell’amoroso tratto già avevo parlato nel mio post sul film Batman v Superman, corredandolo di adeguata immagine esplicativa 😀
      https://lecoseminime.home.blog/2019/08/05/film-22-batman-v-superman-dawn-of-justice-zack-snyder/
      Sotto il paragrafo dedicato al “trucidume”.

      Certo 63 primavere non sono poche, ma tutto dipende da come le si porta.
      (Tranquillo, non ho intenzione di insidiarti).

      "Mi piace"

  3. ecco… io… Kate Winslet… è un mio sogno soppresso.

    ci sono cose belle di per sè,altre belle in quanto tali,altre ancora belle in quanto non si sa perchè.
    La Winslet rientra in questa categoria. Non ha niente (o quasi) per essere considerata una bellezza in senso estetico eppure tira da paura.
    Il fascino.
    Il fascino è tutto. Lei ne ha da vendere, affittare e prestare. E comunque gliene rimarrebbe a sufficienza per far girare la tesa a stuole di uomini….Buonanotte!

    Piace a 1 persona

    1. E non è mica un caso che abbia messo la sua foto… come sai, figura nel mio pantheon personale a fianco delLA Dea Rachel.
      (L’altra notte su Rete4 han fatto un filmetto horror, anzi un filmaccio horror, con lei e Daniel Craig. Non ho potuto reggere oltre la metà, ma ho fatto il mio devoto sforzo per ammirare il Fulgore).

      "Mi piace"

        1. Azz! Collateralmente, vedo ora che Boy erased è diretto da Joel Edgerton, lo stesso di The gift… che ho messo addirittura nei film peggiori mai visti 😀

          "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...