Casa, dolce casa.

Esco per un giro breve in piazza: ricarica del cellulare, ritiro libri acquistati dal cartolaio (attraverso GoodBook, che sostiene le librerie indipendenti), cinque euro di polipetti e pesciolini.
Mi godo l’aria fresca nonostante i 30°, mi fermo su una panchina, al ritorno, per recuperare ed arrivata sul pianerottolo faccio due chiacchiere veloci con la vicina: le è cascata la catena della bici, deve aspettare il marito che gliela aggiusti, io le presterei la mia se ancora ne avessi una.
Sotto di noi, svaccata su una sedia, la Vicina Picchiatwice.
Sapendo che sta lì, evito di dire cose troppo personali (e con una così all’ascolto ci vuol poco perché lo diventino) e, però, mi faccio sentire bene, allegra, distesa e pacificata. Ci tengo a che le arrivi il messaggio che io, sì, me la godo. Alla faccia sua.

E pacificata lo sono davvero.
E godermela, me la godo davvero.
Ho una casa grande, bella e sempre più corrrispondente ai miei desideri.
Ci vivo sola, mi ci muovo come mi pare e piace, la gestisco come mi pare e piace.
Posso nascondermici per un weekend oppure intere settimane, se ne ho bisogno; posso invitarci amici a pranzo ed organizzare festini sul balcone o pigiama party; posso modificare le stanze ed il loro contenuto e progettare di disporre una camera ed un bagno ad uso esclusivo dell’Arrotino.
Sì, questa è casa mia, ci vivo bene, e non ho intenzione di mollarla fino allo stremo così da farvi bruciare il culo per l’invidia.

20 pensieri riguardo “Casa, dolce casa.

  1. Amore sono stracontento che hai questa casa e ci stai bene ma… quando uno è felice non deve mai troppo dirlo in giro perché l’invidia della gente è tanta. E l’invidia porta odio, E l’odio tante altre brutte cose.
    Per cui, goditela, ma piano. Non sbandierare mai troppo la tua felicità.

    Piace a 1 persona

    1. Sono del tutto d’accordo.
      E infatti normalmente me ne sto quatta quatta (non che stamattina abbia sbandierato chissà che, semplicemente ho evitato di farmi piccola piccola e nascosta, ma ci siamo capiti).

      Io però sto pensando, oltre che alla vicina cattifa, a persone che non hanno alcun bisogno di reagire a qualcosa che faccio o dico né di venire stimolate nella loro malignità: non è che mi invidiano perché sono felice, piuttosto voglio mostrarmi felice – in misura normale, non calcando la mano! – nonostante la loro invidia; che nasce prima e indipendentemente da me.
      Da me e da qualsiasi atteggiamento scelga di tenere. E’ un atteggiamento ed un meccanismo che posso riconoscere, ma su cui non ho potere.

      Piace a 1 persona

    2. p.s.: per la cronaca, tra me e la vicina “buona” c’è stato un banale scambio di battute del tenore di – Tutto bene? Sìsì, e tu? Bene, bene -, le due parole sulla bicicletta ed io che ho detto di essere stata in piazza a piedi, e che per oggi ho dato. Punto.

      Piace a 1 persona

      1. Comunque penso che spargere la voce in giro che tu abbia qualcuno potrebbe contribuire a farti vedere meno “debole” (non mi viene la parola giusta). Così se qualcuno ti vuol piantare grane deve sapere che dietro hai qualcuno che ti proteggerà. 😉

        Piace a 1 persona

        1. Oh sì, l’ho pensato anch’io!
          Non credo che la Picchiatwice l’abbia già saputo, ma lo saprà. Lo saprà 😉
          Per altro, anche se ho tutto il diritto di starci anche ora, il fatto che potenzialmente qualcun altro possa vivere in questa casa con me – continuativamente o meno – abbasserà un bel po’ di creste.

          Piace a 1 persona

        2. Non ti farà particolarmente piacere, ma sappi che dopo l’aggressione avevo meditato (ma poi ritenuto fosse meglio non coinvolgermi così tanto) di invitare un paio di forzanovisti a prendere una birretta in giardino.
          Così, tanto per dire sottilmente: Io sarò uno scricciolo, ma se dovessi anche solo pensare di toccarmi di nuovo, conosco gente che ti può accartocciare. Perciò rifletti bene.

          Piace a 1 persona

        3. Avrei fatto lo stesso pensiero fossi stato nella tua condizione. In certi momenti rimpiango di non aver più un legame con un mio amico fascista vero a cui i neri stavano sicuramente antipatici. Gli avrei fornito l’indirizzo dei drogati che sai che rompono le balle… 😉

          Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...