Luoghi abbandonati .2: Le case vivono

Sono stanco di decantare monumenti e bellezze nobiliari, ora rivolgo il mio sguardo a decrepite case un tempo abitate e oggi abbandonate. Il senso dei luoghi anche qui trova il suo ristoro e le sue memorie perdute, forse di povera gente, chi mai le racconterà?
Emiliano Rizzo

Le case famose – per ragioni di arte, storia o per via di chi le abita – tendono a mostrare una facciata, anche all’interno dell’edificio, stuccata se non stucchevole, agghindata ed ufficiale.
La sola vita che ospitano è una processione di persone impettite oppure distratte, nulla a che vedere con la spontaneità dei ragni e delle formiche, della danza della polvere nei fasci di luce e delle tane con le quali i senzatetto di tanto in tanto le arredano.

villa-collina-italia

Anche le chiese forse preferiscono ospitare il pranzo solitario di chi vi cerca rifugio dopo il loro abbandono, anziché prima: non per ragioni morali – tutti i “rifugiati” sono uguali – ma per l’intimità particolare che nasce solo tra pareti e persone ugualmente sole.

matthias-haker-the_photographer_never_reveals_the_location_of_where_he_shot_his

I luoghi parlano e ci parlano, ma non sempre abbiamo orecchie per ascoltarli quando potremmo. Invece dovremmo, perché la loro vecchiaia sia piena di ricordi felici e non di vane attese del ritorno.

25 pensieri riguardo “Luoghi abbandonati .2: Le case vivono

  1. Io credo che la casa in cui vivo sia “maledetta”. Non mi ha mai riservato buone sensazioni. Non ricordo di aver vissuto momenti felici, qui dentro. Invece i momenti infelici si sprecano.
    Ricordo la prima volta che la vidi. Era tutta sbudellata. I vecchi proprietari l’avevano abbandonata e i miei avevano dato mandato di cominciare i lavori. Mi sembrava che lì dentro ci fosse stata la guerra.
    Poi la sua immagine è cambiata, sembrava normale. Ma quelle mura hanno sempre sprigionato come un rancore, un odio che difficilmente ho potuto accantonare permanendo lì…
    Spesso, ancor oggi, quando attraverso una porta, una manica della camicia mi si incastra nella maniglia, ed è come se la casa mi stesse facendo uno scherzo violento di pessimo gusto. E’ davvero molto stronza, la mia casa. Non vedo l’ora di non viverci più!
    (sembra l’incipit per un racconto di King questo mio commento… brrr…)

    Piace a 1 persona

    1. Povera casina 🙂
      Sì, potrebbe anche essere maledetta, anche se non magari dal diavolo stesso che si manifesterebbe dall’armadio 😉
      Pensa che tra le mie varie opzioni in caso di miseria-totale, nel caso dopo la morte di mia madre per varie ed eventuali avessi perso tutto (ma hai visto che ora sono un po’ più rilassata), c’era anche quella di informarmi sulle case infestate / di suicidi disponibili: ormai al giorno d’oggi non ha un gran peso, ma una volta le si vendevano o affittavano a costo basso proprio per questo – e nonostante ciò pochi le accettavano.

      A ‘sto punto son curiosa anche di scoprire che rapporto instaurerai con le maniglie di casa mia 🧐

      Piace a 1 persona

      1. 😀 Non è povera manco per niente la casina! So’ io che so’ povero!

        Vabbè tu potevi benissimo andare in case maledette con gli spiriti, tanto hai Dio che è con te, per cui non hai nulla da temere… Io invece mi preoccuperei molto di più di quei posti in cui la gente muore sempre prima del tempo, per malattia. Quelli sono luoghi contaminati chimicamente, altro che spiriti…

        Sono sicuro che le maniglie di casa tua non mi daranno problemi. Io i problemi ce li ho solo con quelle di casa mia! Mai avuto problemi con le altre!

        Piace a 1 persona

        1. Ah! Se ci fosse ancora Amorth, lo convocherei immantinente per disinfestare casa tua 😉 (Ecco: questa è una battuta, ma lo si fa davvero).

          Ehm, la fai un po’ facile tu, tanto più che io adoro l’horror ma poi mi suggestiono con un nonnulla… comunque, se gli spiriti ti danno fastidio, tu ricorda loro che a breve torno giù, e se non se ne stanno quieti poi gliela faccio vedere io.

          Piace a 1 persona

        2. Amorth non mi piace nemmeno lui!

          No, macché disinfestazione. Queste cose non vanno comunque fatte, sia che uno le faccia per scherzo, sia seriamente. 🙂

          Lo so che sei forte ma anche sensibile, piccolina. *________*

          "Mi piace"

        3. Ma infatti, chi mai si preoccuperebbe di consolare una casa solo perché è stata apostrofata come “maledetta”, a parte me?! ^_____________^

          Su Amorth: non avevo dubbi, ovviamente 😂
          Ma guarda che “queste cose” non sono roba da maghi, dannosi o ridicoli che siano. Sono sacramentali, l’esatto contrario della superstizione.
          Poi è chiaro, se uno non ci crede non ci crede: ma non paragonarle a robe esoteriche da bar, che sono d’accordo: non vanno fatte, punto; ma con un intervento di un esorcista non c’entrano nulla.
          Se non che casomai l’esorcista ne annulla gli effetti 😉

          Piace a 1 persona

        4. Sì, ma mi ricordo le sue interviste da cui ne avevo tratto un pessimo quadro umano, prima ancora che altro. Ma forse tu lo conosci meglio di me, anche se in teoria avendo 10 anni di meno non dovresti neppure ricordartelo…

          "Mi piace"

        5. E riecco la sindrome da Gerry Scotti 😋

          Per carità, interviste se ne ho guardate non le ricordo, e in ogni caso ciascuno si fa la sua impressione e idea in base a tante cose, micro-dettagli compresi.
          Io più che altro faccio riferimento ai libri.
          Poi, vabbeh, l’ho citato perché è il più noto, ma quel che conta è la figura dell’esorcista in quanto tale, come prevista dalla Chiesa. Al di là della simpatia personale.
          (E qui si apre un campo immenso di discussione, ma per quanto mi riguarda, a parte il piacere che mi dà l’ipotesi di fare un tour in case pseudo-infestate, mi fermo alla battuta iniziale 😉 )

          "Mi piace"

        6. C’ha fatto una docufiction William Friedkin su Amorth: «The Devil and Father Amorth», nel 2017… Friedkin è famoso per voler dire una cosa ma per finire a dirne un’altra spesso contraria: fece un film contro gli stipendi degli studenti giocatori di basket nei campus USA ma nelle interviste diceva di aver fatto un film a favore di quegli stipendi!; fece un documentario contro la pena di morte ma nelle interviste disse di volerlo fare a favore della pena di morte, e allora fece un altro film a favore della pena di morte in cui però ci sono così tanti dubbi sulla pena di morte da lasciare perplessi; voleva fare un film a favore dei marines dal grilletto facile e finisce per farne uno su un marine rimbecillito che spara su una folla innocente perché non riesce a ricordarsi se ha visto o no una persona armata in quella folla; voleva fare un film pro-gay e finisce per far vedere un gay che fa il serial-killer di gay! (e solo 30 anni dopo ammette di non aver saputo cosa fare con quel film)…
          …fa lo stesso con Amorth: parte per “glorificarlo” e finisce per renderlo un poveraccio dalle percezioni erratiche, causate da una evidente demenza senile… un poveraccio forse colpevole di coercizione degli incapaci suggestionati che si credono indemoniati… a metà del documentario Friedkin si accorge di non stare glorificando un cacchio e la butta in liturgico, e anche lì non può fare a meno di ammettere che di religione non capisce niente (in quanto ha sposato un’ebrea con rito ebraico e le ha confessato solo dopo di non riuscire a non considerare Gesù il messia)…
          alla fine, Friedkin cerca di buttarla su dubbio, sul «non è vero ma ci credo» e anche sul «non ci credo ma è vero» senza riuscire a trovare la quadra, ma, onestamente, ammettendo di non averci capito un cacchio…
          Per me è stata una visione spassosa… ma per chi sente l’argomento come qualcosa di plausibile, la visione, forse, non sarà né ridanciana né spregevole…
          credo sia disponibile in inglese su Documentarymania…

          Piace a 1 persona

        7. Grazie per la segnalazione.
          Ho un documentario nelle mie liste, ma è su Friedkin, non su Amorth girato da Friedkin: quest’ultimo l’ho cercato ma non trovato, e temporaneamente messo da parte.
          Se quello in inglese che citi ha i sottotitoli, me lo cerco e me lo vedo.

          "Mi piace"

        8. Oh, il primo è il Castorino classico su Friedkin (interessante e utile, ma non tra i migliori Castorini fatti: è da integrare, magari, con gli studi di Giulia d’Agnolo Vallan e, ovviamente, con il memoir di Friedkin stesso, che Bompiani ha tradotto in italiano). Friedkin Uncut è un documentario su Friedkin nella mia whishlist da quando è uscito. La docufiction che Friedkin ha girato su Amorth è anche su YouTube https://youtu.be/8ydABD4Ud50, però priva di sottotitoli…

          Piace a 1 persona

  2. Non sai quanto adoro le case abbandonate e quanto mi fa dispiacere vederle in quello stato di abbandono. In Italia abbiamo tantissimi monumenti e costruzioni antiche che non vengono curate abbastanza (si parla sempre di valorizzazione ma mai di restauro o soprattutto conservazione) e mi dispiace tanto perché sono luoghi con una storia tutta loro che mi incuriosisce molto.

    Piace a 1 persona

    1. Proprio stamattina su Hic Rhodus Claudio Bezzi ha pubblicato un post che ti interesserà molto:
      http://ilsaltodirodi.com/2020/08/21/le-cose-intorno-a-noi-4-gli-scheletri/

      Sulla valorizzazione di monumenti ed edifici di interesse storico sono d’accordo con te.
      Devo anche dire però, specialmente per quanto riguarda le case private, o qualsivoglia costruzione non di per sé di valore, che amo che esistano così come sono adesso: ruderi, resti, rovine.

      Nel prossimo post in tema ci sarà un piccolo elenco di interi paesi italiani che han subìto questa sorte.
      L’ho impostato per giovedì prossimo alle 17.00, ma conoscendomi potrei variare la pubblicazione ed anticiparla…

      "Mi piace"

  3. Non capisco che c’entra Jerry Scotty, di cui mi importa grosso modo come Amorth… 😛

    Sui libri non posso dire nulla! Non so nulla! Al massimo arrivo a Lovecraft…
    E neppure voglio entrare nella tua religione. Di cui non so in che misura faccia riferimento agli esorcisti… Ma ti riferisci a Gesù che esorcizza Legione? O c’è altro? Encicliche recenti?

    "Mi piace"

    1. Gerry Scotti c’entra perché, quando conduceva il Milionario, aveva questo vizio (così è per me) di commentare cose come “Incredibile! Stupefacente! Come fa un ragazzo di vent’anni a conoscere – che ne so – Carlo Emilio Gadda? Etta James? Marie Curie?”.
      E a me ha sempre fatto salire il sangue agli occhi, anche se lo trovavo simpatico: del resto, come fa lui, che “ancora non era nato” (un altro suo mantra) a sapere chi fossero Nerone e Cristoforo Colombo?! Misterooo!

      Ma tornando a noi e ai nostri spiritelli (porcelli e non).
      Vabbeh, Amorth che esorcizza Chtulhu ce lo vedo proprio, ma comunque qui non parliamo di fantasia (checché ne pensino gli autoproclamatisi razionalisti), parliamo di faccende reali.
      Alle quali, ripeto, si può non credere, ma non sono comunque da mettere sullo stesso piano né di romanzi fantastici né degli imbroglioni / occultisti da quattro soldi di cui son piene le pagine pubblicitarie dei giornaletti che hai ammucchiati dietro il cuscino (tu SAI di cosa parlo! 😁 😉 E non nomino la proprietaria di quei giornaletti per non evocarla involontariamente 😉 )

      Sinceramente, per darti dei riferimenti (scritturali e dottrinali) dovrei spulciare.
      Encicliche vere e proprie non mi pare ce ne siano, esclusivamente sul tema, ma non serve: oltre che sui racconti evangelici in cui vengono scacciati i demoni, la figura dell’esorcista è fondata sulla fede nell’esistenza di Satana – che non è un simbolo né un “principio” ma una persona reale – e del male nel mondo come fatto preciso, agito anche – a volte – in modo diretto da Satana stesso (attaverso possessioni, sì, ma non solo e non sempre nel modo eclatante cui ci ha abituato Hollywood. Esistono anche le ossessioni, le vessazioni e le infestazioni diaboliche; quelle appunto su edifici e oggetti inanimati in genere).
      Fa parte del Catechismo.
      Mi pare anche già abbastanza!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...