Lasciar andare

Luca 10, 4 non portate borsa, né bisaccia, né sandali […]

Un sudario non ha tasche, si usa dire. Forse l’ho già detto oppure accennato in un post precedente, ma la méta del mio percorso minimalista vorrebbe essere il lasciar andare ogni cosa. Ogni cosa, per vivere in uno stato – almeno dal punto di vista pratico – di impronta monacale.
Essendo in quaresima, è inevitabile pensare all’invito di Cristo: lasciare tutto per uno scopo, lasciare tutto per servire Lui – e in particolare Lui nel prossimo.
Certo: non sono i beni materiali, è l’atteggiamento mentale che fa testo. Ciò non toglie che i beni materiali vincolino o comunque indirizzino desideri e pensieri.
Certo, lo so: c’è un tempo per ogni cosa, recita l’Ecclesiaste; e no, non ho fretta di anticipare troppo le tappe, al limite faccio esperimenti, pregusto come potrebbe essere non avere quasi nulla. Vivere a mani vuote così come a mani vuote siamo nati.
Come sarebbe essere acqua anziché marmo.

13 pensieri riguardo “Lasciar andare

  1. L'”impronta monacale” mi ha spesso attirato, e continua ad esercitare su di me il suo fascino. Bisogna però fare un lavoro in più, e piuttosto complesso, quando si vive in famiglia, perché gli spazi comuni, essendo comuni, non possono essere disegnati su esclusiva misura o scelta nostra. Cosicché, la vita comune diventa un esercizio molto raffinato di conciliazione e di adattamenti.

    Piace a 2 people

    1. I modi nel mio caso pesano in misura preponderante.
      Gli spazi invece tenderei a ridurli, cioè potrei arrivare ad avere una stanza solo mia e permettere che al di fuori di essa tutto sia regolato secondo le preferenze altrui.

      "Mi piace"

  2. Spesso sono necessari compromessi ed indulgenza, non solo con gli altri, ma anche con noi stessi. Alla fine comunque, indipendentemente dalle scelte, bisognerebbe capire davvero cosa si vuole, cosa è prioritario, cosa è più importante. Insomma anche una “scrematura” delle idee in base al tempo che si sta vivendo ha la sua utilità. A volte lasciare andare è prioritario, altre volte è fondamentale tenere stretto per andare avanti.

    Piace a 1 persona

    1. Essenziale, preciso.
      Adesso posso permettermi una sospensione nell’indefinito, nell’abbozzo e nel temporaneo.
      E intendo sfruttarla al meglio, oltre che godermela.
      In futuro dovrò però scegliere più nettamente.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...