Sogni .34: Esplosioni e sparizioni

Due immagini, due situazioni ripetute su cui si è imperniato l’ultimo sogno mattutino: un aereo in caduta libera ed una pianta in vaso scomparsa.

Nel primo tempo, per così dire, mi trovavo alla finestra del salotto di casa mia con vicino due amici.
Mentre parliamo, ad un certo punto notiamo un puntolino nel cielo che sembra ingrandirsi piano piano, poi più velocemente, e che infine assume le normali dimensioni di un aereoplano – un po’ troppo vicino a terra, ci pare.
Ma l’impressione non dura molto, perché diventa subito chiaro che quell’aereo non sta affatto dirigendosi verso la sua meta, pur se a bassa quota, bensì sta precipitando: e lo sta facendo col muso puntato dritto verso di noi. Un muso appuntito, simile ad un missile, che si fa inesorabilmente più prossimo e che capiamo all’istante di non avere il tempo di evitare.
Infatti l’ultimo fotogramma della mia vita è un bagliore accecante, più da esplosione atomica che eterna l’attimo estremo, che da impatto (sospetto che l’idea me la sia portata dietro da un romanzo letto di recente, nel quale un personaggio tornava in più occasioni sulle sensazioni che si aspettava di provare al momento dell’esplosione, appunto, dell’ordigno atomico che aveva intenzione di attivare).
[E’ interessante scoprire che Oroscopissimo sostenga che è in arrivo per me una novità positiva sul piano professionale: cos’altro ancora, forse un buono benzina per i dipendenti?]

Nel secondo tempo invece non facevo che dare la caccia ad una pianta in vaso – non certo carnivora, tuttavia inquietante con le sue foglie rosso-verdi e soprattutto la losca abitudine di scomparirmi da davanti ogni volta che meditavo di prenderla per portarla a non so chi.
Ebbene questa pianta, come un prestigiatore, si smaterializzava e ricompariva poi in posti impensati, e nonostante tutto si svolgesse sotto il mio naso non mi riusciva davvero di coglierla in flagrante, o di capire come ci riuscisse. Credo che smaterializzarsi sia il verbo esatto, perché dopo svariati tentativi cominciavo ad intuire la natura quantistica del fenomeno (che non ho svelato, poiché mi sono svegliata).

2 pensieri riguardo “Sogni .34: Esplosioni e sparizioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...