Tartarughe al tramonto

Mi ricordo le Tartallegre, collezione storica dell’ovetto Kinder.Mi ricordo che un certo anno delle elementari me le portavo appresso ovunque andassi, anche a scuola naturalmente, anche durante le uscite: erano la mia indispensabile compagnia.Mi ricordo appunto d’una uscita accompagnati dal maestro di Storia e Geografia, che ci portò a visitare alcune santelle, cioè edicole votive, […]

Read More Tartarughe al tramonto

Storia di un candeliere

Mi ricordo che fu A., in anni lontani ed ora improbabili anche ai miei occhi, a regalarmiti.Mi ricordo che fu in negozietto d’argenti e d’anticaglie a Varese, in una giornata piovosa ma mite, nel quale trovammo rifugio (prima era stato il turno di una libreria piccina, seminascosta e rara). Mi ricordo che costavi non poco […]

Read More Storia di un candeliere

Luoghi del cuore

No, non quelli del FAI (ma a tal proposito, ne approfitto per ricordare la candidatura del Castello di Brescia). Penso a luoghi molto più minimi, del tutto personali e peculiari; quelli che punteggiano e arredano la storia delle nostre vite.Non solo località amene, magari di villeggiatura, ma anche e soprattutto siti collaterali: dal minimarket di […]

Read More Luoghi del cuore

Ciao, Matitina.

Mi ricordo di averti comprata molti anni fa, in un grande magazzino di cancelleria all’ingrosso, a Mestre. Mi ricordo di esserci andata insieme a S., scrittrice promettente conosciuta su un sito di fan-fiction. Mi ricordo di aver tradito S., facendo leggere ad una terza persona un suo testo inedito che lei mi aveva espressamente chiesto […]

Read More Ciao, Matitina.

Spigolature romane

Fino ad un mese e mezzo fa non era minimamente immaginabile, però è successo. Nel bel mezzo di una pandemia (però io le cose facili mai) ho trovato un compagno. Anche detto “affetto stabile”. E domani scendo a Roma a spupazzarmelo – se qualcuno oserà tacciarmi di irresponsabilità ho già pronto in tasca un brescianissimo […]

Read More Spigolature romane

qui, dopo

Ho rivisto Hereafter di Eastwood. Lo vidi al cinema nel 2010, quando uscì – allora era morto da due anni mio fratello, ma non ancora mio padre – e ricordo distintamente il grande impatto che ebbe su di me. Forse fu la prima volta, o una delle prime volte, in cui mi ritrovai a piangere in sala. […]

Read More qui, dopo