Scegliere con cura

Non c’è abbastanza tempo. Non c’è abbastanza vita.E’ sempre stato vero che neppure un centenario, ma che dico, neppure un millenario da fiaba avrebbe tempo ed occasioni bastanti per leggere tutto ciò che conta, tutto ciò che desidera, fra l’edito e l’inedito. E’ sempre stato vero ma, come ogni bambino, non lo sapevo; l’ho scoperto […]

Read More Scegliere con cura

Decluttering .17: Il pianoforte bianco

Claudio Rossi Marcelli – Articolo uscito sul numero 1409 di Internazionale I miei genitori se ne sono andati a breve distanza l’uno dall’altro lasciando una casa colma di passato. È facile gestire ciò che mi piace o è di valore, ma non so navigare nella sterminata quantità di ricordi senza valore eppure per me preziosi. Tengo tutto? […]

Read More Decluttering .17: Il pianoforte bianco

Lasciar andare

Luca 10, 4 non portate borsa, né bisaccia, né sandali […] Un sudario non ha tasche, si usa dire. Forse l’ho già detto oppure accennato in un post precedente, ma la méta del mio percorso minimalista vorrebbe essere il lasciar andare ogni cosa. Ogni cosa, per vivere in uno stato – almeno dal punto di vista […]

Read More Lasciar andare

Un mezzo per un fine

L’Arrotino mi citava, l’altro giorno, il minimalismo – quando gli ho raccontato di una divertente ed illuminante discussione in un gruppo Facebook dedicato.In seguito mi sono sorte due precisazioni che avrei voluto fargli, e che ho deciso di annotare brevemente qui perché sono di interesse generale, ed anche perché scriverle aiuta me a focalizzarle. Primo. […]

Read More Un mezzo per un fine

Storia di un candeliere

Mi ricordo che fu A., in anni lontani ed ora improbabili anche ai miei occhi, a regalarmiti.Mi ricordo che fu in negozietto d’argenti e d’anticaglie a Varese, in una giornata piovosa ma mite, nel quale trovammo rifugio (prima era stato il turno di una libreria piccina, seminascosta e rara). Mi ricordo che costavi non poco […]

Read More Storia di un candeliere

Decluttering .15: Le sudate carte

Che non sono quelle di Leopardi, per gli amici (pochi) “il Giacomino”.Bensì bollette, dichiarazioni dei redditi, scontrini, manuali d’istruzioni, bolli auto falciati dalla mia solerzia nel weekend (referti medici e dispense universitarie li avevo già abbondantemente potati tempo fa).Se ne sono andati 4 – 5 chili tutti, tra una borsina di carta strapiena ed una […]

Read More Decluttering .15: Le sudate carte

Decluttering .14: Kaputt!

Dedico questo post all’Arrotino.Con amore (profondo) e furore (iconoclasta). Era una notte serena e nebbiosa. La donna camminava sul sentiero con passi ovattati dalle pantofole, osservando rapita il paesaggio avvolto nel biancore: il salice tanto familiare assumeva in quell’atmosfera lattiginosa un aspetto spettrale, bellissimo.Giunta al cancello, lo aprì, gettò il grande sacco giallo in mezzo […]

Read More Decluttering .14: Kaputt!

Decluttering .13: Nuove frontiere

Sarà perché ultimamente sono spesso in viaggio, e per restare leggera non posso permettermi di tirarmi appresso nessun paio di scarpe oltre quello che indosso.Sarà che il cambiamento climatico si fa inequivocabilmente sentire e mi permette – anzi mi obbliga – a portare calzature da mezza stagione, anziché imbottirmi di pelo.Sarà quel che sarà, ma […]

Read More Decluttering .13: Nuove frontiere