Playlist .5: Ready to go

Oggi ho scritto un pezzettino della mia storia.
Perché è la mia, e non lascio che siano altri, su basi discutibili, a farla per me.

Poi sono uscita a camminare, ho inaugurato la stagione.
Digiunare mi sta asciugando e rinvigorendo: sono andata alla grande.

Al ritorno, ho controllato i liquidi dell’auto (tutti da rabboccare tranne l’olio),
poi l’ho portata a nanna in garage e le ho dato, come sempre, un bacino sul clacson.

Vi lascio l’intera colonna sonora di una giornata perfetta.

  • Ready to go – Republica

  • Higher ground – Red Hot Chili Peppers

  • Call me – Blondie

  • Libre – Alvaro Soler feat. Emma

  • Physical – Dua Lipa

  • Ragazzo di strada – I Corvi

  • Clandestino – I Ratti della Sabina

  • Viceversa – Francesco Gabbani

  • Jet lag – Joss Stone

  • Da abbinare con un mondo grigio – Dutch Nazari

  • Two princes – Spin Doctors

  • Alè alè – Giorgio Canali

  • Buongiorno Italia – Jesto

  • Homecoming – Kanye West feat. Chris Martin

  • Stelle marine – Le luci della centrale elettrica

  • Dov’è – Le Vibrazioni

  • Rapide – Mahmood

  • Rise – Katy Perry

  • Eden – Rancore feat. Dardust

  • Things I’ve seen – Spooks

  • Mori Araj Sun – Atif Aslam, Faiz Ahmed Faiz

  • Siente – The Cat Empire

Liberazione

Mi sono riletta un post che avevo scritto su Facebook in questo stesso giorno di due anni fa, ma non l’ho trovato attualizzabile. Invece, la musica di cui l’avevo corredato va sempre bene e la spaccio per l’ennesima volta, anche con un pizzico di orgoglio campanilistico.

film (aprile 2020) – pt. I

Obbligo o verità – Jeff Wadlow

Horrorino senza infamia né lode, che mostra la volontà di rimaneggiare un soggetto fuori dai canoni classici e riesce, se non altro, a fare di quei canoni un melting-pot caruccio.
Concetto e sviluppo sono adolescenziali, ma di un adolescenziale ben pensato, non dipingono insomma di quell’età soltanto gli sviamenti e l’ingenuità pecoresca.
E’ un titolo che avevo a suo tempo pescato in un elencone online di genere, e la recensione con giudizio da medio a buono è stata più che sufficiente per convincermi, dato che questo gioco (un gioco in realtà molto serio, per adulti con le palle ed il pelo sullo stomaco…) l’ho sempre adorato.
Cercando altre info, ho persino scoperto una versione online che consente di indicare il numero ed il nome delle persone coinvolte e di scegliere ad ogni turno se effettuare l’obbligo o rivelare una verità, appunto; ma non ve lo linko perché l’ho testato ed è abbastanza noioso, ripetitivo.
Ad ogni modo, se ve lo state chiedendo, io ho sempre scelto verità.

Anime nere – Francesco Munzi

Bellissima pellicola che racconta la ‘ndrangheta in toni insolitamente dimessi, ma certo non per questo meno cruenti.
L’ho scelta per via di Peppino Mazzotta, che sa destreggiarsi bene nei panni di un calabrese ripulito e trapiantato a Milano ma pur sempre legato alla sua terra (parafrasando un noto modo di dire: puoi togliere un calabrese dalla ‘ndrangheta, ma non puoi togliere la ‘ndrangheta da un calabrese), quanto in quelli dell’onesto e affidabile collega di Montalbano.
L’ho poi amata per tutto il resto, in particolare per la fotografia perfetta e la vitalità ed espressività dei volti degli attori, principali e non.
E sì, anche perché mi sono riconosciuta in quella frase lapidaria e piena di verità non esprimibili in modo più dettagliato pena svilirle della moglie di Rocco (Mazzotta), milanese di nascita: Noi non siamo come voi. Io sono diversa. C’è un abisso che ci divide, nord e sud, e non ha nulla a che fare con la politica.

anime-nere-film

L’ultima casa a sinistra – Wes Craven

Non finisce bene per nessuno, ma l’atmosfera (e pure la fotografia, oserei dire) innegabilmente anni ’70 vanno a creare, involontariamente, un contrasto tra violenza e commedia a mio parere riuscitissimo.
Leggo che è il primo film girato da Craven, dopo aver lavorato qualche anno nel porno. Leggo anche che questo titolo sarebbe un remake de La fontana della vergine di Bergman, che non conosco.
Pur essendo stato tagliato e pur mostrando una violenza fisica della quale oggi rideremmo, mi è parso un film piuttosto spaventoso. In parte perché, limitatamente alla mia immaginazione, l’ho visto con gli occhi di chi l’ha visto in sala allora, con un impatto ben diverso; in parte perché la violenza inscenata ha poco a che fare con stupri e coltelli. E’ la violenza morale a colpire e restare, non quella carnale.
Wikipedia riporta anche che il Krug della pellicola è stato un prototipo del ben più noto Freddy Krueger, come testimonia il nome.

Hereditary – Ari Aster

Un titolo bestiale. Non solo per la raffinatezza della tortura e dell’angoscia che infligge, ma anche perché, in crescendo con il coinvolgimento dell’intera famiglia protagonista nel delirio, tutti noi abbiamo di certo sentito un sordo battere di tamburi in lontananza.
Potrebbe essere l’eredità di una pratica tribale umanissima e sferzante, con i suoi sacrifici cruenti e le adorazioni blasfeme, l’esito allucinatorio di una tara genetica, ma potrebbe essere anche il suono del cuore pulsante di un dio cieco e idiota che urla oscenità al centro dell’universo.
La chiarificazione finale, che pure c’è ma non geometrica e puntuale come siamo usi aspettarci, lascia aperta la porta ad entrambe le nature dello scatenarsi del male.
Ed il profondo coinvolgimento che suscita tutto quanto, oltre ad un paio di scene pesanti, ne consiglia la visione in un momento adatto: forse non si può arrivarci davvero preparati, ma almeno non prendetelo alla leggera.
Letture di accompagnamento:
le parole di Lucia – senza spoiler – e quelle di Ornella – con spoiler.

hereditary-ari-aster-toni-collette
Toni Collette nel film Cecilia quando s’incazza

Borg vs. Mc Enroe – Janus Metz

Sì, di storie di campioni sportivi l’America ne ha sfornate milioni, e per uno spettatore non particolarmente appassionato ognuna di esse rappresenta il rischio di una morte per sopraggiunti limiti alla noia sopportabile.
Il film di Metz può costituire un’eccezione (per me lo è stata), in minima parte grazie alla specialità di cui si interessa – il tennis mi pare poco o punto “praticato” al cinema, voglio dire nei biopic -, in massima parte perché descrive, un colpo dopo l’altro, i due uomini dietro alla loro immagine pubblica (molto simili fra loro tanto da diventare poi, oltre il confine della pellicola, grandi amici; e per una volta si percepisce questa tesa vicinanza e questa svolta futura come un’onesta realtà anziché un espediente narrativo che la semplifica troppo).
Bravi LaBeouf e soprattutto Skarsgard.
La recensione su MyMovies.

Candyman – Bernard Rose

Parte del recuperone di vecchi horror, Candyman è un titolo che ancora mi mancava ma che è sempre suonato familiare al mio orecchio, ricordo persino le innumeri volte in cui da piccola passavo davanti alla VHS disponibile per il noleggio nella nostra videoteca di fiducia – e che non ho mai avuto il coraggio di portarmi a casa -, insieme ad Hellraiser e ad un sacco d’altri assassini più e meno seriali e molto soprannaturali.
Ciò che invece non ricordavo (o non ho mai saputo) è che il protagonista (al pari della bionda ricercatrice etnografica, Virginia Madsen) è un negrone a me noto ed affascinantissimo, di un’eleganza che non sfigurerebbe ancor oggi se solo gli levassimo il colletto di pelliccia: Tony Todd.

candyman-tony-todd-2

Tra la leggenda dell’assassinio di un nero che aveva sfidato le convenzioni sociali, l’ambientazione divisa tra un upper side ed un caseggiato di cellette popolari, ed il contrasto marcato bianchi-neri / maschi-femmine, di materiale politico (pur senza avere chissà quale approfondimento) ce n’è.
Nella sua relativa semplicità, con quel tocco poetico e la splendida musica di Glass, vale la pena vederselo.

Il permesso: 48 ore fuori – Claudio Amendola

Non ricordo quale sia stato il primo film girato da Amendola, ma so che era una commedia. In quest’opera seconda invece va sul drammatico e, oltre a dirigere, interpreta uno dei quattro detenuti in permesso, Luigi, che vanno a fare i conti con la vita lasciata in qualsiasi posto si possa chiamare casa.
Nessuno di loro troverà ciò che sperava – per qualcuno, però, potrebbe esserci persino di meglio ad attenderlo.
Una pellicola più che discreta, con un Luca Argentero che spicca, come mai immaginavo potesse.

47 metri – Johannes Roberts

Anche di horror subacquei con squali l’universo sovrabbonda, ma di questo avevo letto buone recensioni e posso aggiungerci la mia.
La storia: due sorelle, una più spigliata ed una più squadrata, per altro appena lasciata dal fidanzato, sono in vacanza in Messico. Una sera conoscono un paio di ragazzi a malapena carini. La spigliata, per dare una svolta all’umore della squadrata, la trascina riluttante a fare un’immersione non autorizzata chiusa in una gabbia, per vedere gli squali a pochi centimetri. La squadrata non avrà abbastanza carattere per opporsi, e tutto andrà malamente in vacca – ma lasciandovi credere, a ogni passaggio, che forse le cose riusciranno ancora a risolversi.
Chi vive, chi muore e chi scantona non ve lo rivelo, ovviamente; basti dire che la semplicità del soggetto non affossa, ma anzi lascia libero spazio (un oceano di spazio) alla suspence ed amplifica le note emotive. Bello, credibile (per quanto ne posso capire) e toccante.

Green room – Jeremy Saulnier

Cacchio!
Sam Simon (se non erro) l’ha definito un cazzotto nello stomaco (ed io ho chiosato: se è un cazzotto nello stomaco, allora ha qualcosa da dire). Così è stato.
A differenza di Cassidy (qui la sua recensione sulla Bara) non ho mai ascoltato né apprezzato il punk, per cui può darsi che mi sia sfuggito qualche riferimento (poco male) e che sia strano solo per me che – così comincia la storia – una band punk accetti, seppure al verde come la stanza del titolo (è così chiamata la stanza-camerino di preparazione e decompressione pre- e post-concerto), di suonare in un locale di naziskin. Non è che siccome gli skinhead son tanto di sinistra quanto di destra mescolarli ed agitarli produce un cocktail da sballo… magari la gente lo fa, ma io avrei evitato.
Comunque, sta di fatto che la band ci va. Fa un po’ di casino all’inizio, ma poi raddrizza il tiro e sembra che la serata debba filare tutto sommato liscia. Almeno finché, rientrando nella green room, non si trova davanti uno spettacolo inatteso e per nulla musicale: il cadavere di una ragazza accoltellata per terra.
Se in un contesto qualsiasi la cosa sarebbe di per sé problematica, in un contesto fondamentalmente chiuso e semi-sommerso come quello della destra estrema diventa la molla che fa scattare un ben oliato meccanismo, un protocollo non scritto di rimozione del pericolo ed insabbiamento. Tra cani, coltelli, pistole e fucili, blandizie e minacce, uscirne fuori non sarà banale.
La tensione non manca, la violenza c’è anche se moderata, ed anche per questo mi trovo piuttosto d’accordo con Cinema Estremo (qui) e col giudizio complessivo che dà sul film; tuttavia è bene ricordare che non è la quantità di sangue a determinare lo spavento (possiamo ben collocarlo anche nell’horror) o la repulsione – il famoso cazzotto nello stomaco.
A me Green room è arrivato forte e chiaro, e per la prima volta da mesi mi son trovata a ripensare a quando ho allertato diversi amici condividendo un paio di confronti avuti con gente di CasaPound, passi falsi che sentivo potevano mettermi a rischio se non proprio in pericolo. Non che mi aspettassi nulla di davvero grave, ma di abbastanza serio da guardarmi le spalle per un po’ sì. Tanto che sono arrivata a giocare di diplomazia, per non dire a scacchi, tra Cp, Fn e un libero battitore ben inserito in Cp e rispettato dai capi ma anche utilmente anticonformista, perché mi prendesse indirettamente sotto la propria ala. Uno sbattimento. Che sarebbe stato una sciocchezza per un’anima politica abituata ai maneggi tra pubbliche e private relazioni, ma io un’anima politica e machiavellica non ce l’ho mai avuta e tanto m’è bastato, già con un piede fuori dalla porta.
Insomma, mi è salito il brividino e dunque il film il suo cazzo di lavoro l’ha fatto.
E’ bello e terribile vedersi sullo schermo, e fate conto che sono abbastanza eclettica da impersonare contemporaneamente la mora ammazzata e la bionda ribelle.

green-room-poster

Pet Sematary (1989) – Mary Lambert
Pet Sematary (2019) – Kevin Kölsch, Dennis Widmyer

Un’accoppiata vincente che non potevo farmi mancare, dopo aver finalmente letto il romanzo lo scorso anno. E, incredibile a dirsi, il confronto libro-film non è stato sofferto come al solito, ma soltanto uno strumento in più per ragionarci su.
Parrà strano a qualcuno, ma per me vedermi la combo di questa storia macabra e che finisce malerrimo (con King non è certo scontato) a Pasqua è stata una scelta azzeccata. Parliamo, dopotutto, di morti che tornano in vita, anche se non si tratta proprio di una risurrezione evangelica in un corpo glorioso, bensì di ritorno zombesco col corpo a brandelli, puzzoso e incrostato di terriccio… al ritmo dei Ramones.
(Chi non alza il volume a palla e non balla, va a letto senza cena nella stalla).

Se la versione dell’89 – con cammeo di King nel ruolo del predicatore al funerale – ha una sua atmosfera suggestiva impareggiabile, ho trovato che la versione del 2019 fosse meno disastrosa di com’è stata dipinta. Certo, c’è da precisare bene che, se il primo terzo della pellicola è molto buono, il secondo terzo è ancora buono ma già più standard, ed infine il restante terzo tracolla.
Tutto sommato, le idee sono buone e la storia ben attualizzata, con qualche modifica interessante (il figlio perduto è, in questo caso, una figlia), ma quelle stesse modifiche sembrano essere state sollevate e poi abbandonate a metà, non portate davvero fino in fondo.
E se i dialoghi sono più approfonditi e le situazioni nutrite di dettagli utili – mentre nell’originale tutta la sceneggiatura è più grossolana -, viceversa l’afflato emotivo, la mia partecipazione da spettatrice al lutto, alla brama per un potere pericoloso ma attraente, alla nostalgia ed al rimpianto sono venuti affievolendosi mentre il minutaggio cresceva. L’attacco era proprio buono, mi sono sfregata le mani, ma poi dell’abisso di dolore per la scomparsa di un figlio, della lucida follia di chi non riesce a tollerarla, ma pure della  potentissima vicenda collaterale di Rachel e Zelda e del senso di come tutto sia connesso e preordinato, poco rimane. Alla fine si sconfina in un brodo di coltura di stilemi horror mal connessi tra loro.
Non c’è quasi evoluzione nel personaggio di Louis Creed, ed avrei voluto fosse data una certa importanza – come nell’89 – a Victor Pascow.
In generale, comunque, è un film godibile persino per una purista come me. Non è poco.

La casa nera (The people under the stairs) – Wes Craven

Titolazione italiana insensata per un horror d’annata movimentato, grottesco e divertente; e se una vena di denuncia sociale c’è, mi pare assai più funzionale al gusto di far casino – Alice, hai mai visto un fratello prima d’ora? – che non un segno di pretenziosità e messaggi alti.
Non ci sono del resto messaggi morali nascosti, si allude alla differenza sociale e razziale, al rifiuto di una progenie “difettosa” o semplicemente imperfetta, alla promiscuità sessuale e all’incesto in maniera diretta e brutale, perché brutali sono i proprietari immobiliari dell’edificio in cui Matto vive, e nella cui abitazione fatta di salvifiche intercapedini dovrà sopravvivere.
Se accettiamo Blatta come Bianconiglio alternativo, l’accostamento ad Alice nel paese delle meraviglie non è ingiustificato.

40enalfabeto / 1

C di Canzoncine

C’è questa canzoncina (non riesco a non usare il diminutivo) di Morandi, che rimbalza tutto il giorno dalla tv, che proprio mi fa venire il latte – e nemmeno possiamo usare la scusa di doverlo prendere per la mamma, per uscire e scappare: uscire non si può. Anche il latte, solo se c’è altra spesa da fare.
E allora ripenso con nostalgia a Tenco, che cambierà cantava pur sempre ma con un senso, ed un dolore tangibile, mica la sofferenza condivisa di plastica che ci propinano i sempre più frequenti spot da pubblicità progresso / ottimismo.

P di Plateau

Ne ho sentite di ogni.
D’accordo, trovare un termine italiano (e scientifico, per carità) per indicare la fase di assestamento del contagio prima che arrivi a calare sarebbe buona cosa, ma se proprio non riuscite a mettervi d’accordo, almeno risparmiateci il minestrone: tra picco (per altro errato), pianoro, ripiano (!), piattaforma, … ci gira la testa.

S di Smart

Il lavoro è diventato, di colpo, smart – dopo secoli che lo invochiamo, o meglio che invochiamo il telelavoro, che è altra cosa.
Le richieste per l’indennità dell’INPS si possono fare soltanto per via telematica – il che sarebbe il meno – così come, progressivamente, diventano a canale telematico esclusivo (mai aggettivo fu più azzeccato) una miriade di servizi fra i più disparati – e questo è invece grave. Non bastasse, i dati sensibili di parecchi cittadini sono stati resi disponibili ad altri privati cittadini: prima ho sentito parlare di problema tecnico, poi di hacker (mah!), in ogni caso abbiamo dimostrato una volta di più di avere infrastrutture scadenti e nessuna idea di come gestire le informazioni.
Ci stanno spingendo, volenti o nolenti, nella direzione del digitale ad ogni costo, come vacche che percorrono il budello verso il macello.
Paradossalmente, per una volta mi felicito di vivere in un paese cialtrone, così posso sperare che questa farsa autoritaria del “digitale” vada in lungo il più possibile. Ma dopo il Covid19, chissà.

Carnet (Novembre 2019)

Libri

107. Le acque del nord – Ian McGuire [5/5 ⭐⭐⭐⭐⭐]
108. Let them eat chaos – Kate Tempest [3.5/5 ⭐⭐⭐ ]
Poema moderno, di un’autrice poliedrica che non conoscevo. A tratti mi ricorda Ginsberg – e infatti m’è piaciuta così così -, ma la struttura è buona, e si suddivide fra i protagonisti – i miserabili -, svegli di notte nella stessa via.
109. Fondamenta degli incurabili – Josif Brodskij [5/5 ⭐⭐⭐⭐⭐]
110. Foliage: Vagabondare in autunno – Duccio Demetrio [3.5/5 ⭐⭐⭐]
111. Autosufficienza – Massimo Acanfora, Ilaria Sesana [4.5/5 ⭐⭐⭐⭐]
112. Vivere in 5 con 5 euro al giorno – Stefania Rossini [2.5/5 ⭐⭐]
L’ho ordinato giusto perché, quando frequentavo i gruppi su minimalismo e risparmio su Facebook, ne erano nate polemiche feroci. Volevo quantomeno curiosare e capire quanto estrema fosse la proposta e l’atteggiamento di codesta Stefania. Ebbene, ho scoperto che tutto il casino è nato unicamente sulla base del titolo: guerra aperta tra chi propugna uno stile di consumo ridotto all’osso e chi (per orgoglio, sostanzialmente) non accetta cifre tanto drastiche perché se ammettesse che sono possibili, si sentirebbe giudicato. Anche se non è vero, ed il giudizio è solo nella sua testa.
Anyway: del tutto tralasciabile, non fa che ripetere cose già dette e stranote, e non presenta alcuna lettura teorica personale.
113. Cento storie in bianco e nero (raccontate a colori da sacerdoti)
– a cura di P. Gabriel Gonzalez [2.5/5 ⭐⭐]
114. Le lettere di Groucho Marx – a cura di Giulia Arborio Mella [4/5 ⭐⭐⭐⭐]
Ho trovato questo epistolario nel baule in sala d’attesa al Cps, utilizzato da quelli del Centro Diurno per lo scambio libri… grazie, è fantastico!
115. I frattali: Un nuovo modo di vedere il mondo [Mondo Matematico]
Un assaggio lo trovate qui.
116. Il libro rosso (Liber novus) – Carl Gustav Jung [4/5 ⭐⭐⭐⭐]
117. Guida alle Messe – Camillo Langone [5/5 ⭐⭐⭐⭐⭐]
118. L’enigma di Fermat: Una sfida lunga tre secoli [Mondo Matematico]
Per questo come per i successivi libri della collana elencati sotto, vale la regola che ho letto le parti storiche e riepilogative, mentre ho saltato quelle strettamente matematiche, alle quali proprio non riuscirei ad andar dietro nemmeno volendo – e lo sforzo non vale la candela.
119. L’armonia è questione di numeri: Musica e matematica [Mondo Matematico]
120. Arkham Asylum: una folle dimora in un folle mondo
– Grant Morrison, Dave McKean [5/5 ⭐⭐⭐⭐⭐]
121. La sezione aurea: Il linguaggio matematico della bellezza [Mondo Matematico]
• Dilemma del prigioniero e strategie dominanti: La teoria dei giochi
[Mondo Matematico]
Invece, questi ultimi due li ho segnati ugualmente perché gli argomenti mi interessano molto, ma ho faticato anche nelle pagine più generali, dunque non li conteggio.
• Mappe del metrò e reti neurali: La teoria dei grafi [Mondo Matematico]
122. La chiave a stella – Primo Levi [5/5 ⭐⭐⭐⭐⭐]

Film

168. IT (parte I) – Andy Muschietti [3.5/5 ⭐⭐⭐]
169. La madre – Andy Muschietti [4/5 ⭐⭐⭐⭐]
170. Molly’s game – Aaron Sorkin [4/5 ⭐⭐⭐⭐]
171. The hole – Nick Hamm [3.5/5 ⭐⭐⭐]
Ho voluto rivedere questo “titolone” dei miei anni d’oro. Carino, ma non merita tanta attenzione quanta ne meritava allora.
E’ comunque sempre bello rievocare, specialmente quando nei ricordi albergano amici che non si frequentano da una vita, ma che hanno significato qualcosa.
172. Sinister – Scott Derrickson [4.5/5 ⭐⭐⭐⭐]
173. Nightmare – Samuel Bayer [5/5 ⭐⭐⭐⭐⭐]
Che bomba! Nel post sui film usciti nel mio anno di nascita (84) che mi hanno segnata, l’avevo inserito, ma ero davvero troppo acerba quando lo vidi per capirlo davvero. Capolavoro di scrittura e anche tecnico. Meriterebbe un super-post dedicato, ma come sempre il meglio mi schiaccia sotto il suo peso e tende a rendermi muta.
174. Office killer: Un’impiegata modello – Cindy Sherman [4/5 ⭐⭐⭐⭐]
175. L’amore non perdona – Stefano Consiglio [4/5 ⭐⭐⭐⭐]
Non male, non male. Una relazione inter-generazionale ed inter-razziale. La piccineria e la pruderie scandalizzata (della figlia di lei, soprattutto). E’ una di quelle cose che mi scatenano il furore, e se non trascendono finiscono anche per essere catartiche.
In proposito, riporto il parere del Morandini:

Adriana ha quasi 60 anni, infermiera, origini francesi, vive in Italia, ha una figlia e un nipotino. Conosce in corsia Mohamed, giovane immigrato arabo, 30 anni. S’innamorano. Hanno tutti contro: colleghi, amici, la figlia, i vicini. Ma soprattutto è Adriana che dubita: dubita di lui, dubita di sé stessa.
Esordio al lungometraggio (con pochi mezzi economici e molta intelligenza) di un documentarista: Consiglio mette una grande attrice al centro di una vicenda difficile da accettare dalla maggior parte del pubblico (soprattutto quello maschile), che affronta il duplice tema della differenza di età e di razza con grande leggerezza, sensibilità e con apprezzabile onestà. Una chiusa non banale di una vera storia d’amore.

176. Justice League – Zack Snyder [3.5/5 ⭐⭐⭐]
177. Coco – Lee Unkrich, Adrian Molina [4/5 ⭐⭐⭐⭐]
178. Walk the line – James Mangold [4.5/5 ⭐⭐⭐⭐]
179. Gli ultimi saranno ultimi – Massimiliano Bruno [3.5/5 ⭐⭐⭐]
Un finale un po’ deludente per un rispettabile dramma. La Cortellesi è stata brava anche in questo ruolo fuori dai suoi canoni. Eppure, qualcosa mi stona, come se le vicende, pur ben rappresentate, conservassero il tono un po’ rarefatto della commedia – che però non è.
180. Cape Fear, Il promontorio della paura – Martin Scorsese [5/5 ⭐⭐⭐⭐⭐]
Filmone. De Niro implacabile.
181. Premonition – Mennan Yapo [3.5/5 ⭐⭐⭐]
182. A dangerous method – David Cronenberg [3.5/5 ⭐⭐⭐ ]
183. Il colore nascosto delle cose – Silvio Soldini [3/5 ⭐⭐⭐]
Piuttosto paraculo e luogo-comunista (chiedo scusa), sia nei confronti di Giannini-Theo, quasi incorreggibile latin lover allergico a prendere impegni, sia in quelli di Golino-Emma, cieca ottimista convinta di vederci meglio con gli occhi del cuore – gli occhi del cuoooore, gli occhi del cuoooore! Ci manchi, Boris.
Brava però la Golino nella messa in scena del corpo. I film sui ciechi meriterebbero di più, per esempio che si torni al muto.
184. Se7en (Seven) – David Fincher [5/5 ⭐⭐⭐⭐⭐]
Incredibile. 24 anni sulle spalle e non sentirli: l’antesignano di un mucchio di figli, che ancora ci stiamo sorbendo, e ben più banali; un concentrato di tutto ciò che un amante del thriller con serial killer può desiderare; persino ancora attuale: quella storia dell’Fbi che tiene sotto controllo determinati prestiti librari delle biblioteche, ovviamente in segreto, per intercettare cittadini potenzialmente problematici… e noi poveri polli convinti che ogni cosa nasca e muoia con internet. Tzè.
185. Squadra 49 – Jay Russell [2.5/5 ⭐⭐]
La recensione di Mattia Nicoletti su MyMovies dice in sostanza tutto: è un disgraziato polpettone agiografico dedicato ai pompieri ed agli irlandesi, che dopo l’11/9 furono fatti santi per acclamazione. Bene, benissimo e lunga vita, ma cazzo, dopo mezz’ora mi usciva la melassa dalle orecchie. Però, data una recente conversazione con qualcuno che lo citava (al solito, mi confondo sul chi dove e quando, ma vabbeh), e dato che lo davano subito dopo Seven, ho còlto l’occasione.
Retorica non è solo la sceneggiatura, ma persino la musica!: ogni pretesto è buono per un’elegia flautata e romanticheggiante, mancava giusto una scena coi piccioncini abbracciati davanti ad un tramonto con lui che dichiara: questo tramonto rosseggiante mi ricorda un incendio. E’ bellissimo. Potevano farci un musical, forse sarebbe uscito più decente. Ma comunque. Cosa salvo?
Salvo Travolta, che per altro continua a starmi simpatico nonostante i trascorsi (?) con Scientology. E salvo il fatto (ecco perché 2.5 e non 2) che tutto sommato sono film così, con momenti drammatici assai stemperati e telefonati, che permettono alla gente traumatizzata come me di riprendere confidenza con certe faccende umane. Superati i primi due incendi, e appurato che in quello raccontato alla base di questo lungo flashback il pompiere-eroe va giù insieme ad un pavimento che crolla anziché – come temevo – rimanere incastrato e schiacciato sotto le macerie, ho potuto smettere di tenere la mano davanti alla faccia e spiare da uno spiraglio tra le dita. Amen.

Serie Tv / Web

Dexter (quarta stagione) [5/5 ⭐⭐⭐⭐⭐]
Semplicemente fantastica. Una stagione perfetta.
E con essa, sulla cresta dell’onda, chiudo con Dex.
Supernatural (XIIa stagione) [in corso]
Like me, like a Joker (prima & seconda stagione – in corso) [4/5 ⭐⭐⭐⭐]
Grazie a Batman Crime Solver che ne ha parlato! Non credevo, invece mi ci sono intrippata. Hanno fatto un buon lavoro, e stanno crescendo. Se siete di Catania, andatene orgogliosi! E seguite il canale 😉

Harley quinn Web Series (prima stagione) [4.5/5 ⭐⭐⭐⭐]
Suggerimento da YouTube quanto mai gradito: sto cercando di capire se si sono fermati alla prima stagione (finita nel luglio 2017), o se sono tonta io – probabile la seconda -, comunque: se amate la trottolona amorosa vedetevelo. Per quanto possa capirne io di web series, scrittura e regia mi paiono davvero buone – non sopporto il trucco di Harley, ma vabbeh, per quel corpicino e quella voce tollererò.

Musica

  • Marracash, Persona [4/5 ⭐⭐⭐⭐]
  • Johnny Cash, Live at Folsom Prison [5/5 ⭐⭐⭐⭐⭐]
  • Roba varia al Floppotron! 🙂
    Per esempio, Bohemian Rhapsody:

Playlist .4: In a November mood

Nuova, ricca playlist novembrina; tra ritmi travolgenti, strappi violenti e luci soffuse sul cuore.
Essendo playlist e non “ammucchiata”, consiglio a chi la volesse sperimentare di ascoltarla in quest’ordine, perché l’ordine di esecuzione in questo mondo ha sempre un suo perché.
Mettete a palla il volume, o meglio ancora infilate delle buone cuffie, le scarpe da ginnastica e uscite a camminarci sopra. E godete. Buon orgasmo.

trasferimento (6)

I. Body parts – Marracash

II. What kind of woman is this – Buddy Guy

III. Toxic – Melanie Martinez

IV. Wake up, little Suzie – Everly Brothers

V. Great balls of fire – Jerry Lee Lewis

VI. Strange kind of woman – Deep Purple

VII. Seaweed – The Crowsroads feat. Sarah Jane Morris

VIII. White room – Cream

IX. Whola lotta love – Led Zeppelin

X. Halloween Theme – John & Cody Carpenter, Daniel Davies

XI. Fool in the rain – Led Zeppelin

XII. The moon is a silver dollar – Lawrence Welk

XIII. Into my arms – Nick Cave [qui una sua lezione cantata]

XIV. Aspettando il sole – Neffa

XV. He don’t love me – Winona Oak

XVI. Too many friends – Placebo

XVII. Ratto – Subsonica

XVIII. Liberi alti fuochi – Drittarcore feat. Sottofasciasemplice

XIX. Nientologia – Drittarcore

XX. Halloween Triumphant – John & Cody Carpenter, Daniel Davies

Gimme some Cash

La musica di Cash mi fa sentire come se fossi pronta, all’istante, ad alzarmi raccogliere le mie due o tre più preziose cose e partire. O stare. Ma vivere, senza aver bisogno di null’altro.
La musica di Cash significa compiutezza, pur in mezzo agli affanni.

Per questo, nonostante una sceneggiatura ed un montaggio che potrebbero apparire troppo lineari se non banali, sono rimasta affascinata dalla sua storia in Walk the line (che è tratto per altro dalla sua autobiografia).
“Veloce come un treno, tagliente come un rasoio”, pare che l’abbia definito la sua June Carter – ma io direi, soprattutto: coerente. E’ il gusto della coerenza, del sentiero tracciato e ben chiaro in mente che mi è arrivato guardandomelo.
I cambi scena cruciali nove volte su dieci portano avanti negli anni, in una concatenazione diretta tra una situazione problematica e la sua risoluzione: sulla carta suona paraculo, invece ha il suo perché. Il tempo è una freccia scoccata in avanti, e come i treni cari a Cash segue gli scambi dei binari senza dare scossoni.
Fa il suo lavoro, e non rompe i coglioni con infingimenti poetici.
Anche Mangold ha fatto bene il suo lavoro, dunque.
(Di Phoenix e la Whiterspoon è persino inutile parlare, sono stati al solito magistrali tanto nella prova attoriale quanto in quella vocale – ed è tanta roba: hanno reinterpretato e ricantato ogni singolo brano).

La sinossi sul retro del dvd parla di attaccamento incrollabile alla propria musica e all’amore della sua vita. È anche, soprattutto questo che intendo con coerenza. Attaccamento incrollabile. Provate a dirlo a voce alta, scandendolo lentamente: ATTACCAMENTO INCROLLABILE.
Lo si percepisce, nel Live at Folsom Prison così come nel film, che del resto con il passaggio dedicato a quel concerto lo ricalca fedelmente, riportando il dialogo col pubblico – battuta sull’acqua sozza inclusa. Da un lato c’è ironia, capacità recitativa, dall’altro piena partecipazione. Il nostrano Ligabue avrebbe difficoltà a parlare di “quelli tra palco e realtà”, qui: il palco è la realtà, e la realtà è sul palco, invitata ben prima che capitasse un’occasione speciale.
Il direttore della prigione suggerisce di non cantare cose che ricordino ai carcerati dove si trovino, e Cash risponde cantando di uno che c’è finito ingiustamente, di uno che ne è uscito ma senza poter ritrovare il conforto dei genitori perché nel frattempo sono morti, e di un altro che pensa a chi è fuori e gli augura buona fortuna, saluta i miei.
June, durante uno dei tour insieme a Jerry Lee Lewis, quando li becca ubriachi e decisamente non pronti ad esibirsi li cazzia ed afferma che non sanno rigare dritto, e Cash risponde I walk the line, rigo dritto, perché tu hai il modo per tenermi al tuo fianco.
Più che ispirazioni, sono “cose minime” fattesi istantaneamente materia per musica. Non c’è scarto tra vita, racconto e intenzione.

johnny-cash-live-folsom