Nuovo anno, nuove pagine

Ed ecco qua. Se il 2020 è stato quantitativamente ricco (e certo soddisfacente), il 2021 comincia all’insegna della rilassatezza. A tre settimane dall’inizio dell’anno di libri ne ho letti solo cinque, tutti per altro leggerini.Salvo il primissimo, di buon auspicio per la prosecuzione dell’anno: A sangue freddo di Capote. L’ho adorato. È un antesignano della […]

Read More Nuovo anno, nuove pagine

Amaro

Una fuga degna di un escapista da un enorme sciame di api assassine. Una visita ad una base aliena tra l’angoscia d’essere osservati ed il piacere di essere ammirati. Un coltello che scompare e riappare molto più grande. Una storia d’amore contrastata dagli amici di lui – sempre tra i piedi in casa mentre cerco […]

Read More Amaro

film (dicembre 2020)

Animali notturni – Tom Ford Vabbeh, io amo Ford e sono partigiana. Comunque ho trovato eccellente anche questo suo, dopo esser stata folgorata da A single man (la fotografia è cosmica, ha una grande sensibilità). E poi ci sono il Jake e la Amy, e non si smentiscono. Brutti e cattivi – Cosimo Gomez Divertente, […]

Read More film (dicembre 2020)

Meme .4: Influenze tentacolari

Un altro meme che ho trascurato per pigrizia estiva è questo, bellissimo, dedicato al buon (?) Lovecraft; per il quale sono stata nominata da Chicco (ancora grazie), a sua volta istigato da Austin Dove. Le regole, le solite: Ringrazia sempre il blog che ti ha nominato! Posta la foto in alto come immagine del post. […]

Read More Meme .4: Influenze tentacolari

Film .24: Man of steel, Zack Snyder

La prima mezz’oretta di Man of steel mi ha ricordato che, compilando il CineMeme, avevo scordato di dire quale fosse il genere che, nel cinema, mi piaceva meno. Lo faccio ora, semplicissimo: la fantascienza… ebbene, quella parte è scritta decentemente e occorre a tutti gli effetti per capire la nascita di Superman, che poi è lo scopo […]

Read More Film .24: Man of steel, Zack Snyder

Materno

Il linguaggio eptapode, in quanto circolare, è materno. Il tunnel dell’astronave attraverso il quale avviene il contatto tra umani e alieni è, palesemente, un utero: intimo, accogliente (posso capire che il regista ed il direttore della fotografia stessi usino per esso aggettivi ben diversi, come “ignoto” e “minaccioso”, nonostante dimostrino di comprendere il film che […]

Read More Materno

Film .11: District 9, Blomkamp

District 9 – Neill Blomkamp Alla fine ho aperto il vaso di Pandora, mi sono inoltrata nell’ignoto, eccetera eccetera. Non fa mica così schifo come sostiene l’eretico Lapinsù! Certo, ha millemila difetti, per esempio: non sa decidersi, fino alla fine, tra il tono da commedia squinternata e l’apologia morale della solidarietà col diverso (in questo […]

Read More Film .11: District 9, Blomkamp

Film .5: Il quarto tipo, Osunsanmi

Il quarto tipo – Olatunde Osunsanmi Un film discreto nella sua semplicità, nonostante il tema del rapimento alieno sia non direi abusato, ma comunque molto sfruttato. Saggiamente breve e interessante, forse più che per il concetto (arricchito da qualche dettaglio insolito) e la potenzialità-spavento, per lo sviluppo aperto della storia (a tratti troppo aperto) e […]

Read More Film .5: Il quarto tipo, Osunsanmi