Dare un nome alle cose

Leggendo Al di là delle parole di Carl Safina, ho apprezzato molto che l’autore insistesse, in ciascuna delle tre parti di cui si compone il suo saggio (incentrate sugli elefanti, sui lupi e sulle orche), sul fatto che gli animali non sono oggetti animati ma soggetti – e dotati non soltanto di senzienza, ma altresì […]

Read More Dare un nome alle cose

I medici fanno schifo

Non è una provocazione, non è un’uscita estemporanea da bastian contraria dei social e della rete in generale, non è nemmeno un’iperbole: a me i medici fanno davvero, e proprio tanto, schifo.Non mi piace nemmeno la retorica. Non sono tutti uguali, è vero; ma questo è sottinteso e non ammorbidisce di una virgola il fatto […]

Read More I medici fanno schifo

Il disonore della sanità pubblica

“Credo che i ricatti morali e pratici uniti alla volontà di relegare chi non si vaccina tra i paria della società escludendolo da ogni servizio pubblico, dalla possibilità di lavorare e di muoversi e anche dall’avere accesso alle cure mediche, non aiuti a convincere gli indecisi. Anzi.Appare l’atto di prevaricazione di chi, non avendo gli […]

Read More Il disonore della sanità pubblica

Sono un mito .12: Il rifiuto

Ho un rifiuto immediato ed esplosivo per una serie di cose. Dopo anni in ballo, sia come familiare, che come paziente, che come caregiver, il pensiero della malattia mi è connaturato; ma al tempo stesso dovermene occupare più dello stretto necessario, ora che anche mia madre è morta e sono libera almeno dal lavoro di […]

Read More Sono un mito .12: Il rifiuto

Sono un mito .11: Paroline

Mia madre chiamava così, “le paroline”, i sottotitoli per non udenti alla televisione. Tralascio le mie usuali (sacrosante) lamentele a proposito della qualità dei sottotitoli Rai – ne avevo parlato anche col presidente della sezione ENS locale, il quale mi confermò che stavano lottando per ottenere un servizio migliore da anni, senza risultato. Ma che, […]

Read More Sono un mito .11: Paroline

Sogni .13: Taxiii!

– scena prima. Io e mia mamma siamo in pullmann. Stiamo ragionando del fatto che vorremmo raggiungere una certa fermata per salire su un mezzo che ci porti in città, ma a poche centinaia di metri da quella stessa fermata, realizziamo che su quel mezzo ci siamo già. Pochi istanti dopo mi accorgo – per […]

Read More Sogni .13: Taxiii!

Welcome home (Sanitarium)

Per Slavoj Žižek – che riprende le parole della rivista Time Out – Joker è un “horror sociale”, qualcosa d’inimmaginabile fino a poco tempo fa. Siamo al secondo paragrafo, esattamente a metà della prima colonna d’un articolo lungo 5 pagine e mezza – e mi sto mettendo ad urlare. Un mugolìo strozzato si fa strada […]

Read More Welcome home (Sanitarium)

Prima di cena

Nel mio freezer rimangono, della mia vita di prima, ancora due sacchetti preparati da mia madre: in uno si trovano due cotolette panate, nell’altro un grosso filetto di vitello. le cotolette saranno gli ultimi prodotti a base di carne a sparire: per me sono sinonimo di mamma e di casa e di infanzia. Il vitello, invece, lo cucinerò […]

Read More Prima di cena