Detriti

Sabato avevo tutta l’intenzione di farmi un bagno e lavarmi i capelli. Problema: mi trovo a casa dell’Arrotino fino almeno al 25, dunque non a casa mia. Dunque in certa misura come sospesa, profuga, seppure in generale a mio agio. Avevo superato la repulsione che da soggetto ossessivo-compulsivo con fobia di contaminazione provo per i […]

Read More Detriti

Un mezzo per un fine

L’Arrotino mi citava, l’altro giorno, il minimalismo – quando gli ho raccontato di una divertente ed illuminante discussione in un gruppo Facebook dedicato.In seguito mi sono sorte due precisazioni che avrei voluto fargli, e che ho deciso di annotare brevemente qui perché sono di interesse generale, ed anche perché scriverle aiuta me a focalizzarle. Primo. […]

Read More Un mezzo per un fine

85, 31

A casa del mio compagno, l’ormai noto Arrotino, mi trovo relativamente a mio agio – relativamente perché, da ossessivo-compulsiva nonché amante dell’ordine, della pulizia e della comodità, ogni ambiente sul quale non ho controllo e che si distanzia anche di poco dal mio standard minimo rappresenta pur sempre un mondo parallelo, per la mia sensibilità.Mi […]

Read More 85, 31

Come siete messi a Brescia?

Eh già, come siamo messi? Me lo chiedono in tanti, ultimamente, ma io non posso che rispondere che me ne sto chiusa in casa, non ho contatti sociali coi miei compaesani salvo, telefonici, con un paio di “gazzettini padani” che non sono però affidabilissimi; e quindi no, non so dirvi quanti contagiati / morti ci […]

Read More Come siete messi a Brescia?

Sono un mito .8: Lo stato dell’arte

Diverse settimane orsono avevo anticipato che avrei precisato meglio, di tutto il “menù” di segni e sintomi tipici della sindrome MELAS, quali effettivamente mi hanno colpito. Ora che la visita di aggravamento è andata, mentre attendo il responso, mi pare un buon momento per farlo. Vedrò di essere abbastanza concisa, ma prima di tutto voglio […]

Read More Sono un mito .8: Lo stato dell’arte

Sono un mito .7: Attrice in erba

Ho evitato accuratamente per un paio di settimane di lavarmi i capelli e la faccia, di tagliarmi le unghie, e di rendermi presentabile in qualsivoglia modo. Ho persino fumato due sigari recuperandone la cenere, che ho spalmato in faccia e sui capelli, appunto, con un pennellino, una sorta di make-up inverso, per accentuare l’effetto “donna […]

Read More Sono un mito .7: Attrice in erba