In montagna .3: Vajont, di Renzo Martinelli

Mi è sembrato un buon film, non ottimo, ma decisamente buono (mi è piaciuto sicuramente più che all’Arrotino).Poteva risultare più profondo, laddove con questo aggettivo si intenda drammatico, emozionalmente coinvolto, impegnativo? Sì, ma ciò non significa che sia superficiale o banale. In compenso, proprio per la capacità di raggiungere pubblici diversi, più e meno esigenti, […]

Read More In montagna .3: Vajont, di Renzo Martinelli

Roba Gennaio 2023 – prima parte

Libri I miei ricordi: scalate al limite del possibile – Walter Bonatti (2008)Prima lettura dell’anno, e prima dedicata alla montagna. La prosa di Bonatti è molto scarna e quasi scolastica, stavo addirittura per mollarlo e questo sarebbe stato un peccato: più avanti, diciamo dalla metà, i racconti si fanno meno monotoni, piatti ed emerge qualche […]

Read More Roba Gennaio 2023 – prima parte

Diario di lettura .14: Via col tempo

Sto sfogliando e sfoltendo, per l’ennesima volta, le mie to-read-list sul sito della biblioteca. Tanti i libri di cui non ricordo affatto come li abbia scelti, attraverso quali recensioni o connessioni vi sia arrivata; ormai privi di attrattiva.Addirittura, poche sere fa (prima di uscirmene con la consueta, micidiale prenotazione di dieci libri in una botta) […]

Read More Diario di lettura .14: Via col tempo

La mia spooky season .3: Diavoli, cimiteri e fascisti (che tirano sempre)

Nella terza ed ultima parte di questo breve excursus sulle mie letture spooky di ottobre / novembre vi propongo quattro argomenti diversi (in ordine orrorifico). ovvio. Uno dei miei luoghi fisici e letterari ricorrenti.Nell’omonimo libro non-fiction, l’onnivoro saggista Giuseppe Marcenaro ha raccontato – come tanti altri prima di lui, ma in modo meno ripetitivo e […]

Read More La mia spooky season .3: Diavoli, cimiteri e fascisti (che tirano sempre)

La domenica perfetta

Dormo quindici ore, dalle 20.30 alle 11.30. Volevo in realtà resistere un po’ di più del solito e leggere, quest’unica sera che so non dovrò alzarmi ad un’ora prefissata, ma la stanchezza accumulata incombe ed io le cedo. E’ stato un toccasana: mi alzo con muscoli rilassati, efficienti. Ogni tanto, o anche poco, ci vuole!Subito […]

Read More La domenica perfetta

Disney come la Silicon Valley: gender ‘à gogo’

La fabbrica dei sogni lavora solo per i gayDisney toglie i generi dai suoi parchi giochi Basta distinzioni: personale e artisti useranno sempre forme generiche.Una manager: «Inserisco contenuti orno ovunque» di Giorgio GandolaDa: La Verità 31 marzo 2022 (…) «Non c’è più un cartello, una frase regi­strata, un’indi­cazione sulle porte dei bagni che ricordi le differenze sessuali», ha an­nunciato Vivian […]

Read More Disney come la Silicon Valley: gender ‘à gogo’

Il coraggio di essere come tutti

Nei giorni scorsi, alla Mostra del cinema di Venezia, una giuria composta da rappresentanti del mondo degli artisti nel quale, anche quando la società era diversa da oggi, dilagavano esempi di vita difformi dalla morale, ha premiato un film ipocrita ed immorale. Gli artisti si inginocchiano sulla via dell’aborto facile in cerca di premi e […]

Read More Il coraggio di essere come tutti