Guardare le nuvole

Il vento teso e costante di oggi mi mette malinconia, come sempre. O, almeno, quella dolorante sensazione di umidità che sgocciola dal cuore. L’idea insinuante che, davanti a me, rimanga solo il passato.Le poche nuvole vaganti nel cielo coperto, nuvole d’un pesante bianco perlaceo, fanno il ritratto a olio di una vita aperta sul nulla […]

Read More Guardare le nuvole

Super-nostalgia

Ho raccontato una volta di quando feci l’ultima visita, di puro piacere, al minimarket vicino alla nostra vecchia casa – che per certi versi sento, ancora, più mia di quella attuale.Dei ricordi d’infanzia, dello struggimento.Ieri ho vissuto sentimenti analoghi entrando in un supermercato che non mi piace, ma che invece mia mamma preferiva frequentare. Dovendo […]

Read More Super-nostalgia

Giorni di un futuro passato

Non ricordo più come si chiama quel certo osso che collega la spalla allo sterno: acromion, forse?Né distinguo più le ossa dei piedi da quelle delle mani, tutte particolari.Seguono ad una sola lunghezza le nozioni di fisiologia, per esempio il funzionamento dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene.Ma sono solo esempi, appunto, inutile farne un lungo elenco. Mi accorgo dopo […]

Read More Giorni di un futuro passato

Le cose che contano

Poche sono le cose che contano nella mia vita quotidiana, spicciola. Tutte mi sono raggiungibili nell’arco di un chilometro quadrato attorno a casa: la biblioteca il cimitero il supermercato la piazza e tutte hanno una densità specifica di significato pari a quella di una stella nana. Non mancano le interconnessioni: come in biblioteca si sfogliano […]

Read More Le cose che contano