Impronte

Anche a questo, dunque, serviva liberare casa mia:a fare spazio per chi doveva arrivare (a stare con me, cit.).E ogni giorno la casa stessa prende una nuova forma, la nostra impronta comune. Non sono più sola.Da quattro mesi me lo ripeto (e me lo ripete), eppure traluce ancora miracolo.Miracolo che non è la mondana e […]

Read More Impronte

Una cosa sola

Sono giorni in cui ragiono – e anche fantastico – di matrimonio. Un’occupazione stimolante, emozionante ma anche portata avanti con splendida leggerezza. Perché non è su location o liste nozze che rifletto, bensì sulla sostanza dell’essere sposati.Sarò all’altezza? Sono davvero pronta? E soprattutto, cosa significa sposarsi? Ecco, quest’ultima domanda è la più “facile”. Dal punto […]

Read More Una cosa sola

Ciao, Matitina.

Mi ricordo di averti comprata molti anni fa, in un grande magazzino di cancelleria all’ingrosso, a Mestre. Mi ricordo di esserci andata insieme a S., scrittrice promettente conosciuta su un sito di fan-fiction. Mi ricordo di aver tradito S., facendo leggere ad una terza persona un suo testo inedito che lei mi aveva espressamente chiesto […]

Read More Ciao, Matitina.

Marcio

Vorrei non farlo. Per non alimentare la diffusione di questo schifo e per non avvelenarmi. Purtroppo, però, il veleno è già in circolo. E per non soffrirne l’effetto più dell’inevitabile devo tagliarmi, succhiare e sputare. Ho scoperto chi sono i cosiddetti incel. Un termine che non avevo mai sentito prima di alcuni mesi fa, e […]

Read More Marcio

11.07.07 > 30.07.20

“Ho eseguito un gesto irreparabile. Ho stabilito un legame.” – Jorge Luis Borges Ho sempre scritto poesia, ma sempre pochissima, col contagocce; e non per scelta. Da anni mi interrogo sul perché, pur sentendola più propria a me della prosa, ne sono così arida. Ciò detto, una delle occasioni in cui ne sento il bisogno […]

Read More 11.07.07 > 30.07.20

Corpi (non) estranei

Non si può scegliere, lo sappiamo tutti, chi compone la nostra famiglia (di origine). Certamente però si può scegliere quella che ci facciamo noi, da adulti o comunque persone consapevoli: compagno/a, amici, gruppi di qualsivoglia tipo possiamo tutti considerarli “famiglie”sociali alle quali aderiamo senza costrizione. Vorrei allora dire questo: che, se anche davvero io fossi […]

Read More Corpi (non) estranei

Mettersi a nudo

Non puoi dire di conoscere una persona finché non ti capita di dover dividere un’eredità con lei. Johann Kaspar Lavater Amo le storie. Le vite degli altri, per citare un noto e bellissimo film. Non è solo mera curiosità, che del resto se non risulta troppo pruriginosa e rispetta il proprio soggetto di interesse è […]

Read More Mettersi a nudo

libri (maggio – giugno 2020)

Non si piange sul latte macchiato – Bruno Gambarotta [kindle] Raccolta di racconti estrosi, toscanacci. Con maiale. Originale. Ninna nanna – Leila Slimani [kindle] Molto, molto bello. Un thriller con risvolti sociali ottimamente costruito, dotato della giusta suspence, di personaggi con adeguata caratterizzazione e una trama solo in apparenza standardizzata (“famiglia cerca tata per i […]

Read More libri (maggio – giugno 2020)

Sogni 12.: Abbandonato all’altare

Ho sognato per la seconda volta l’Arrotino, stanotte. E di nuovo a quanto pare avevo una relazione avviata, che stavolta stava addirittura arrivando alle nozze, ma io ho piantato il tipo e me ne sono andata da lui. In parte mi sono autosuggestionata, in parte questo schema, se non ancora ricorrente, è già diventato familiare. […]

Read More Sogni 12.: Abbandonato all’altare

libri (maggio 2020) – pt. I

Limonov – Emmanuel Carrére [kindle] Due cose: Carrére scrive la sua non-fiction sulla sabbia. Come qualcuno – non ricordo ora chi – ha ben precisato, sceglie il suo soggetto e poi, anziché distaccarsene pur restando appassionato e farne una descrizione se non obbiettiva, almeno “terza” con tutti i mezzi documentali e critici possibili, ne trae […]

Read More libri (maggio 2020) – pt. I