Roba gennaio 2023 – seconda parte

Libri Solo – Brett Archibald (2017)Ne ho parlato qui. La vita che brilla sulla riva del mare: le piante e gli animali che popolano i litorali rocciosi, le spiagge sabbiose e le barriere coralline – Rachel Carson (1955)Ne ho parlato qui. A Santiago con Celeste – Giuseppina Torregrossa (2014)Esile ed agile diario di viaggio della scrittrice, […]

Read More Roba gennaio 2023 – seconda parte

In montagna .3: Vajont, di Renzo Martinelli

Mi è sembrato un buon film, non ottimo, ma decisamente buono (mi è piaciuto sicuramente più che all’Arrotino).Poteva risultare più profondo, laddove con questo aggettivo si intenda drammatico, emozionalmente coinvolto, impegnativo? Sì, ma ciò non significa che sia superficiale o banale. In compenso, proprio per la capacità di raggiungere pubblici diversi, più e meno esigenti, […]

Read More In montagna .3: Vajont, di Renzo Martinelli

Roba Gennaio 2023 – prima parte

Libri I miei ricordi: scalate al limite del possibile – Walter Bonatti (2008)Prima lettura dell’anno, e prima dedicata alla montagna. La prosa di Bonatti è molto scarna e quasi scolastica, stavo addirittura per mollarlo e questo sarebbe stato un peccato: più avanti, diciamo dalla metà, i racconti si fanno meno monotoni, piatti ed emerge qualche […]

Read More Roba Gennaio 2023 – prima parte

La mia spooky season .3: Diavoli, cimiteri e fascisti (che tirano sempre)

Nella terza ed ultima parte di questo breve excursus sulle mie letture spooky di ottobre / novembre vi propongo quattro argomenti diversi (in ordine orrorifico). ovvio. Uno dei miei luoghi fisici e letterari ricorrenti.Nell’omonimo libro non-fiction, l’onnivoro saggista Giuseppe Marcenaro ha raccontato – come tanti altri prima di lui, ma in modo meno ripetitivo e […]

Read More La mia spooky season .3: Diavoli, cimiteri e fascisti (che tirano sempre)

A ramengo

Sarà che si avvicina il momento di tornare al lavoro – no, scherzo: non esageriamo!, anche se effettivamente non si può dire che mi senta pronta. Sarà la bassa pressione con le temperature molto più gradevoli, ma scese di botto.Fatto sta che ieri notte la mia mente ha prodotto un sogno tormentato degno di Lynch. […]

Read More A ramengo

Oggi si gioca

Sbircio Marito dalla soglia dello studio, sporgendo solo la testa, e mi chiedo quando se ne accorgerà.Dondola il piede mentre ascolta Logico: gliel’ho girata ieri sera dopo averla incontrata a Don’t forget the lyrics, non la conosceva. Lo trovo bello. Ha una pacatezza naturale. Ho ancora sulla schiena il calore non eccessivo del sole.Siamo stati […]

Read More Oggi si gioca

Caccia alla gatta

Stamane appena svegliata mi sono rotolata di lato, ho aperto gli occhi sul mio braccio piegato e lì, proprio lì sulla rosa collina di carne ho visto a distanza ravvicinata l’intreccio, la foresta di peli che ricordava una foresta vera, di erba ed alberi.Osservandola – oltre a quelle che mi son sembrate doppie punte! – […]

Read More Caccia alla gatta

Perché no

Non è nemmeno paragonabile per gravità, ma intanto sul lavoro ci stanno impedendo di dimostrare che siamo o meno in servizio timbrando il buon vecchio cartellino fisico.Ora dobbiamo fare l’accesso con una app, oppure piegarci ad inserire le timbrature manualmente dal sito dedicato.Cioè costringono tutti ad avere uno smartphone connesso a internet a d ogni […]

Read More Perché no

Lui / Progressione geometrica

Di soprammobili a casa me ne son rimasti pochissimi, li posso contare sulle dita.In salotto, ci sono due mensole occupate da oche ed elefanti.Delle oche ci eravamo già occupati: le abbiamo disposte alternando due gruppi differenti, quelle di mia madre che allungano il collo verso il basso e quelle comprate con mio padre a Cortina, […]

Read More Lui / Progressione geometrica